Compensi ai collaboratori

I compensi per le collaborazioni vengono pagati dopo l'erogazione del servizio e dietro presentazione da parte del collaboratore di uno dei seguenti documenti fiscali, a seconda del regime fiscale del collaboratore stesso:

Importo del compenso concordato

I compensi concordati sono sempre intesi al lordo delle imposte e al netto dell'IVA. Esempio: un compenso concordato di € 100 prevede i seguenti versamenti in relazione al regime fiscale del collaboratore che deve essere retribuito:

Tempi di pagamento

I pagamenti sono effettuati a vista di fattura o ricevuta, salvo accordi diversi. Per nessuna ragione possono essere emessi pagamenti in contanti. Su fatture e note vanno indicati sempre gli estremi per il versamento (cc bancario o PayPal).

Note per chi non è pratico

Rimborsi spese concordati con i collaboratori

La legge vieta il rimborso diretto di ricevute fiscali ai collaboratori, è obbligatoria la fattura. Pertanto il collaboratore che ha concordato un rimborso (es: biglietti di treni, pasti, alberghi, taxi, eccetera) dovrà tassativamente chiedere al fornitore del servizio una fattura intestata ad ACCORDO.IT srl.

Invio di fatture e ricevute

Le fatture vanno inviate ad ACCORDO.IT srl secondo le prescrizioni della legge sulla fatturazione elettronica. Chi emette fattura in esenzione della fatturazione elettronica e chi emette ricevuta deve inviarla a amministrazione@accordo.it. Non sono accettati invii cartacei.

Eccezioni

La legge non consente eccezioni a quanto indicato sopra, quindi non potremo farne. Per richieste e precisazioni su questo e altri temi amministrativi si può scivere a amministrazione@accordo.it